Polpette di topinambur e carote

Ciao! 😀
Per la prima volta in vita mia ho assaggiato questo tubero che la natura ci ha donato e che io (ma perché??) ho sempre rifiutato.
Dato che quest’anno ho deciso che deve essere per me l’anno della svolta, ho anche deciso che, da quest’anno, devo provare alimenti che mai ho mangiato, vuoi per ribrezzo infantile, vuoi per pigrizia, vuoi perché a me sconosciuti.
Ed ecco una mia prima (prima perché mi sono piaciuti molto 😐 e quindi da oggi non mancheranno più) ricetta con ingrediente base il topinambur e le carote.
Semplicissima da fare e gustosissima! Ma lo sapevi che il topinambur ha vagamente il profumo del carciofo?? Beh! Se non sei stupido/a come me che hai aspettato 40 anni per assaggiarlo, lo saprai eccome!!! Sgrunt!

02

01 03

Ingredienti (per circa 12 polpette)
500 g di topinambur
150 g di carote
50 g di cipolla
4 noci
rosmarino
1 pizzico di peperoncino
1-2 cucchiai di pangrattato
20 g di farina
40 ml di olio evo
sale e pepe

Preparazione
Lava accuratamente i topinambur sotto l’acqua, strofinandoli bene per togliere tutta la terra residua. Grattugiali ora con una grattugia a fori grandi e ponili in un’insalatiera. Fai lo stesso con le carote (prima leva la parte esterna se troppo sporca) e uniscile al topinambur. Ora trita le noci insieme alla cipolla e al rosmarino, fino ad ottenere un composto molto fine e aggiungilo alle verdure. Regola di sale e pepe e aggiungi il pizzico di peperoncino. Unisci metà dell’olio e mescola bene, quindi unisci il pangrattato e continua a mescolare, ora con le mani, unendo anche la farina. Impasta con le mani fino a che il composto non si sia ben amalgamato. E adesso arriva la parte più divertente: formare le polpette!!! 😆 Con le mani, preleva una porzione dell’impasto e forma delle palline, schiacciale leggermente e appoggiale man mano su una teglia rivestita da carta da forno.
04

Quando avrai terminato il composto scalda il restante olio e falle friggere su entrambi i lati fino a che le superfici non siano belle dorate. Servile belle calde. Io le ho accompagnate con delle radici amare cucinate secondo la ricetta di Felicia, che ringrazio pubblicamente perché anche le radici mi rifiutavo di mangiarle per la loro amarezza, ma grazie a questa ricetta sono riuscita ad apprezzarle moltissimo! 😀
Mangia!

Torta al cioccolato con crema al caffè

Ciao! Questa sera avevo bisogno di festeggiare il ritorno di uno dei miei gatti, reduce da un’operazione in cui ha rischiato un pochino.
Questa torta quindi la dedico a lei, la piccolina di casa 🙂

      

Ingredienti
Torta al cioccolato
3 tazze di farina
2 tazze di zucchero (a breve proverò la variante più salutare :-))
2/3 tazza di cacao amaro
2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di sale
2 tazze di caffè freddo
1 tazza di olio di semi
1/4 tazza di aceto di mele
1 cucchiaio di estratto di vaniglia

Crema al caffè
1 tazza di margarina (con grassi non idrogenati)
1 1/2 tazza zucchero a velo (a breve sempre la modifica)
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
3 cucchiai caffè istantaneo dissolto in 1/4 di tazza di acqua

Salsa di cioccolato
1/2 tazza di gocce di cioccolato fondente
1/8 tazza di latte di cocco o soia
1 cucchiaio di olio di semi

1/2 tazza di mandorle tritate grossolanamente per guarnire

Preparazione
Torta al cioccolato
Accendi il forno e preriscaldalo a 180°C e ungi due tortiere di circa 20 cm di diametro.
In una larga ciotola mischia insieme la farina, lo zucchero, il cacao, il bicarbonato, la vaniglia e il sale. In un’altra ciotola mischia insieme tutti i liquidi: il caffè, l’olio e l’aceto. Inserisci i liquidi in quelli secchi e con un frullatore con frusta (se non ne sei provvisto usa una frusta normale) mischia bene gli ingredienti fino a che si siano uniti ben bene, senza esagerare.
Versa, in uguale quantità, il composto nelle tortiere e inforna per 30 minuti o fino a quando con la prova stuzzicadenti il centro della torta non sarà bello asciutto. Togli dal forno e fai raffreddare bene.

Crema al caffè
Con un mixer con frusta sbatti la margarina e la vaniglia insieme e aggiungi 1 cucchiaio alla volta di caffè controllando la consistenza della crema. Continua a frustare fino a che la crema non risulta bella soffice.

Salsa di cioccolato
Fai sciogliere, a bagnomaria o al microonde, il cioccolato con il latte. Quando il cioccolato si è ben sciolto aggiungi l’olio e mischia bene fino al suo completo assorbimento.

ASSEMBLAGGIO
Togli le torte dagli stampi, riponi la prima sul piatto da portata e spalma in modo uniforme metà della crema al caffè. Riponi sopra la crema la seconda torta e ricoprila con la crema restante. Con una sac a poche e un beccuccio fine fai delle decorazioni con il cioccolato e aggiungi per finire le mandorle tritate.
Mangia!

Focaccia Genovese

Che una bergamasca doc t’insegni a fare la focaccia genovese sembrerebbe un’assurdità, ma a me viene molto bene, quindi…:D
Piccolo avvertimento: ti consiglio di farla quando sai di avere tanto tempo a disposizione, perché 3 ore di questo tempo le dovrai utilizzare per la focaccia! Ahahah…
Per questa ricetta devo ringraziare nuovamente vivalafocaccia perché i suoi video sono veramente utili e chiari.

Ingredienti
(per una teglia di 34 cm di Ø)
290 g di farina
180 g di acqua
18 g di olio evo
6 g di sale
3 g di malto
15 g di lievito di birra (se secco usa 1/3)

Preparazione
Mescola insieme acqua, sale, malto e olio.
Aggiungi metà della farina fino a ottenere una pasta densa, ma ancora liquida.
Aggiungi il lievito e lavora la pasta aggiungendo anche la restante farina, lavorala fino ad ottenere un impasto compatto ma non duro.
Copri bene l’impasto con uno strofinaccio e lascia riposare per 10-15 minuti direttamente sulla spianatoia.
Piega la pasta in 2 o in 4 a seconda di quanta forza ha il tuo impasto: più è forte e meno devi piegarlo.
Dai all’impasto la forma della teglia, senza però toccare troppo l’impasto, né maltrattarlo né cercare di stirarlo.
Versa nel centro della teglia un po’ d’olio e metti sopra l’impasto e ungilo su tutti e due i lati. Fai riposare per 40-60 minuti a temperatura costante (sempre col metodo forno spento e lampadina accesa).
Stendi l’impasto nella teglia schiacciandolo e NON stirandolo. Cospargi la superficie con un velo di sale e lascia riposare per altri 30 minuti.

Condisci a piacimento (olive, pomodorini, cipolle…).
Versa un po’ di acqua tiepida sulla pasta e un po’ di olio.
Imprimi energicamente con le dita tutta la superficie della focaccia per formare i famosi buchi della focaccia genovese.
Lascia lievitare almeno 60-75 minuti. Inforna a fuoco caldo a 220-240°C per 15-20 minuti. E finalmente…MANGIA!!! 🙂