Torta salata con verza e funghi

Ciao,
oggi avevo proprio un chiodo fisso, quello di cucinare la verza. Devo ammetterlo, è proprio gustosa la verza, in tutte le salse.
Ho pensato allora di farmi una buona e sana torta salata e con l’aggiunta di un po’ di funghi e qualche pezzo di formaggio veg bello filante il gioco è stato fatto 😀

Immagine

02 03 04 PicMonkey Collage

Ingredienti
2 paste brisè vegan
1/2 verza (di dimensioni medio piccole)
200 g di funghi champignon
1 cucchiaio di salsa soyu
1/2 tazza di formaggio vegan tipo Teese vegan cheese cheddar
1-2 cucchiai di lievito alimentare
sale
olio evo
1 scalogno
1 spicchio d’aglio
prezzemolo

Preparazione
Per prima cosa monda la verza e i funghi e taglia la verza a listerelle e i funghi a “spicchi”. In una padella capiente fai soffrigge in un po’ d’olio lo scalogno tagliato finemente e poi aggiungi la verza. In una casseruola bassa invece fai cuocere i funghi in un po’ d’olio e l’aglio. Aggiungi alla verza il cucchiaio di salsa soyu e porta a cottura (deve solo ammorbidirsi). Quando i funghi saranno cotti, aggiusta di sale e aggiungi abbondante prezzemolo. Spegni il fuoco e  preriscalda il forno a 220°C. Nel frattempo lascia intiepidire un po’ le verdure. Dopo una decina di minuti prendi una ciotola e versa le verdure, il formaggio tagliato a cubetti, il lievito alimentare e aggiusta di sale se necessario. Mescola bene affinché tutti gli ingredienti si amalgamino. Prendi una teglia e stendi una delle paste, lasciando sotto la carta da forno. Stendi il composto e ricopri con l’altra pasta. Chiudi bene i bordi ed effettua i fori sulla superficie con i rebbi della forchetta. Inforna e cuoci per 20 minuti circa o fino a che la pasta non è bella dorata. Lascia intiepidire prima di servire.
Mangia! 😀

Saccottini ai funghi

Buonasera! 😀
Stasera avevo voglia di qualcosa di sfizioso e ho pensato che dei saccottini potessero andare bene.
Non sono pesanti, ma abbastanza sostanziosi, del resto la pasta brisé riempe 😉

37-07

37-12 37-03 37-11 37-09 37-02

Ingredienti (per 8 saccottini)
2 sfoglie brisé vegan
1 cestino di champignon freschi
5-6 pomodorini secchi
prezzemolo
3 spicchi d’aglio
olio evo
2-3 cucchiai di lievito alimentare
1 cucchiaio di pangrattato

Preparazione
Preriscalda il forno a 200°C. Monda i funghi e tagliali a piccoli spicchi. In una padella fai soffriggere l’aglio in un po’ d’olio e aggiungi i funghi. Lasciali cuocere nella loro acqua, ma se necessario aggiungine un po’. A fine cottura aggiungi abbondante prezzemolo tritato. Metti da parte e fai raffreddare.
Nel frattempo frulla i pomodorini fino a che non ottieni una specie di pasta grossolana. Quando i funghi si saranno intiepiditi prendi una ciotola e unisci tutti gli ingredienti: funghi, pomodori, lievito alimentare, pangrattato. Aggiusta di sale se necessario.
Ora prendi le sfoglie, aprile e tagliale in quattro parti e disponi al centro di ogni quarto un cucchiaio abbondante di ripieno. Ora prendi gli angoli della pasta e richiudi ogni porzione, a mo’ di saccottino. Ponili su una teglia coperta da carta da forno, dagli una bella spennellata con del latte di soia e cuocili per 20 minuti circa, fino a che non si dorano.
Mangia!

Burger 2

Ciao, questa ricetta è semplice semplice, ma ti posso assicurare che il risultato è molto buono.
Può essere utilizzata anche per chi è intollerante a latticini o per chi è celiaco, anche accompagnata alla tofu mayo.

Ingredienti (dosi per circa 16 burger)
2 confezioni di funghi champignon
2 grosse cipolle bionde
4 tazze di riso (meglio se integrale)
1 cucchiaio di miso di frumento o di riso (medio chiaro)
1 tazza di salsa soyu
abbondante prezzemolo
erbe varie (origano, rosmarino, erba cipollina, ecc…)
1-2 cucchiai di concentrato di pomodoro
1 1/2 circa di farina (nel caso di celiaci gluten free)

Preparazione
Per prima cosa metti a bollire il riso. Monda i funghi, tagliali a metà e frullali. Mettili in una ciotola molto capiente.
Prendi le cipolle e tagliale finemente. Metti da parte.
Quando il riso è cotto, fallo intiepidire un po’.
A questo punto riprendi la ciotola, unisci tutti gli ingredienti, cipolle, riso, salsa soyu, miso, prezzemolo, erbe aromatiche, concentrato di pomodoro e farina.
Mischia con le mani o con un cucchiaio (con le mani è più divertente :-D). Se l’impasto risulta troppo bagnato aggiungi ancora un po’ di farina o del pangrattato.
Ora forma i burger (se hai l’attrezzo meglio per te, io mi sono ingegnata con un tappo, l’ho rivestito con la pellicola e l’ho riempito di impasto) e sistemali su un vassoio o teglia ricoperta di carta da forno.
Cuocili come dei semplici burger o falli al forno.
Mangia!

Pizza ai funghi

Che dire, un napoletano doc non approverebbe 🙂
Quindi se sei napoletano ti chiedo scusa ora, ma per me rinunciare alla pizza è un po’ come rinunciare alla mamma, per cui…l’ho veganizzata!!
La mia scelta di diventare vegana è stata notevolmente rallentata proprio da questo infernale alimento: il formaggio.
Come sostiene Gary Yourofsky in uno dei suoi tanti convegni, il problema, nel rinunciare ai prodotti di origine animale, è il SAPORE, sì il sapore della carne, del latte e quindi dei formaggi. E io adoro i formaggi!!! Capisci che rinunciando ai formaggi avrei dovuto rinunciare alla pizza!!!
Per me è stato molto facile rinunciarvici però dopo un percorso che mi ha portato alla questione ETICA del problema e non più al GUSTO e SAPORE 🙂
Quindi ecco la mia pizza. SI PUO’! SI DEVE!

Ingredienti
1°METODO (a percentuale)
In proporzione alla farina che usi metti:
50-55% di acqua
3% livito di birra
3% olio evo
3% sale

2°METODO (secondo la disciplinare della pizza Verace Napoletana)

(Si riporta un valore dei vari ingredienti ottimale raccomandato rapportato a litro di acqua)
1 lt acqua
50-55 g sale
3 g lievito
1,700/1,800 Kg (secondo la Forza) farina

ingredienti per la farcitura
salsa di pomodoro
1 Mozzarisella oppure qualsiasi formaggio vegan (a breve anche la MIA mozzarella!)
funghi (champignon o porcini)
olio evo
sale

Preparazione
Con il 1° metodo unisci tutti gli ingredienti in una ciotola, impasta fino ad ottenere una palla compatta (ma non troppo) e liscia al tatto.
Copri e lascia lievitare fino a che raddoppia di volume.
Stendila in una teglia ben oliata e guarniscila.
Cuocila a forno caldissimo (il max che hai) fino a che il formaggio non fonde e fa le bolle.

Con il 2° metodo:
Tempo di impasto: 10 minuti per aggiunta di Farina
(fino al raggiungimento del punto di pasta)
20 minuti lavorazione a bassa velocità
Prima Lievitazione: in macchina o madia legno 2 h
“Staglio a mano”: in panetti 180 – 250 g circa
Seconda Lievitazione: in cassette per alimenti 4-6 h
Temperatura di fermentazione: ambiente (T: 25°C)
Conservazione (temperatura ambiente): entro le 6 ore successive
Guarnisci e cuoci come col 1° metodo
Mangia! 🙂