Ravioli di indivia con salsa di porri

Ciao,
che giornata vero? La primavera è saltata e stiamo passando direttamente all’estate 🙂
Questo mi fa venir voglia di cucinare e soprattutto impastare. Così ti ho preparato una ricetta molto delicata e gustosa allo stesso tempo.
I ravioli sono stati fatti a mano senza l’uso dello stampo perché li volevo un po’ più grossi, ma se tu preferisci puoi farli della forma e dimensioni che più ti piace 😉
Spero ti piacciano…a me sono piaciuti un sacco!

08

Ingredienti
PER LA PASTA DEI RAVIOLI:
400 g di farina di semola di grano duro
200 ml di acqua calda
6 g di sale

PER IL RIPIENO DEI RAVIOLI:
4 piccoli cespi di indivia
1 cipolla
1-2 cucchiai di salsa soyu
200-300 g di vegricotta
lievito alimentare
noce moscata

PER IL CONDIMENTO:
2-3 porri
1 cipolla
margarina
olio evo
sale e pepe

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione
Per prima cosa pulisci l’indivia, sbollentala un pochino e tagliala con qualche colpo di coltello. Prendi ora una padella e ripassa l’indivia con un soffritto di cipolla e i cucchiai di salsa di soyu. Lasciala raffreddare e poi amalgamala, in una ciotola, con la vegricotta, 2 cucchiai di lievito alimentare e un po’ di noce moscata.
Prepara ora la pasta lavorando la farina con l’acqua e il sale. Lavorala bene per almeno 10 minuti e poi avvolgila nella pellicola e lasciala riposare per almeno 1/2 ora.
Prendi la pasta e stendila con il mattarello per formare una sfoglia non troppo sottile. Dividila in due parti. Distribuisci su una il ripieno, formando tanti mucchietti equidistanti, ricopri con l’altra, schiaccia bene i bordi e poi taglia i ravioli con l’apposito attrezzo a rotella.
Metti a bollire una pentola d’acqua e intanto in una padella soffriggi i porri, tagliati a rondelle, con margarina e olio. Sala l’acqua e cuoci i ravioli per pochi minuti. Scolali e falli saltare nella salsa di porri, insaporendoli all’ultimo con un po’ di lievito alimentare e un po’ di pepe.
Mangia!

Colgo l’occasione per ringraziare Betty per avermi regalato un bellissimo riconoscimento, quello suo personale. Grazie Betty sei un tesoro!!!

chef5

N.B.: Ora mi trovi anche su Facebook o su Twitter   

Torta di zucca, zucchine e ricotta

Eccomi qua,
un nuovo giorno “quasi primannale” (più autunnale che primaverile 🙂 ) e una ricetta che si fa in un battibaleno giusto perché con sto tempo gran voglia di sforzarsi non ce n’è…
Allora, zucca, zucchine e vegricotta sono gli ingredienti base per il ripieno, pasta Matta fatta in casa come sfoglia. Ti auguro buona lettura 😉

08

Ingredienti
Per la pasta Matta:
120 g di farina integrale e 120 g di farina di tipo 0
3 cucchiai di olio evo
2 pizzichi di sale
acqua q.b.
Per il ripieno:
300 g di zucca
2 zucchine di dimensioni medie
1 vegricotta (non l’ho mai pesata in realtà, quindi diciamo il risultato di 1 litro di latte ok?)
pangrattato
lievito alimentare
salsa di soia
rosmarino
olio evo
sale
1 scalogno

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione
Per prima cosa accendi il forno e preriscaldalo a 220°C. Su una spianatoia versa la farina e formane un cratere al centro dove aggiungere l’olio e il sale. Incomincia a mescolare gli ingredienti aggiungendo l’acqua poco alla volta, fino ad ottenere un impasto morbido e compatto, tipo quello del pane, ma un po’ più morbido. Formane una palla e ponila in una ciotola coperta con un panno umido e lasciala riposare.
Intanto prepara il ripieno. Monda le verdure e tagliale a cubetti, non troppo grossi. In una padella fai soffriggere lo scalogno, finemente tritato in un po’ d’olio e aggiungi la verdura. Fai insaporire qualche minuto e poi aggiungi il rosmarino, 1-2 cucchiai di salsa di soia e porta a cottura. Aggiusta di sale solo alla fine (non dovrebbe servire perché la salsa di soia è già molto saporita e io di solito la metto per evitare di salare molto i miei ripieni e poi…gli da quel saporino!…ummm mi viene fame solo a pensarci 😀 ). Dov’ero rimasta? Ah sì…porta a cottura. Ora fai intiepidire un po’ le verdure. quando si saranno un po’ raffreddate travasale in una ciotola, aggiungi la vegricotta, il pangrattato e il lievito alimentare e mescola bene fino ad amalgamare tutti gli ingredienti.
Ora riprendi la pasta e con un mattarello ricavane una sfoglia bella sottile. Ponila in una teglia unta con un po’ d’olio e riempila col ripieno (riempila col ripieno…ahahah…se no che si chiama a fare R I P I E N O??). Fai cuocere in forno per circa 20 minuti o fino a che non incomincia a dorarsi la crosta.
Mangia!

Ravioli di borragine

Ciao, come anticipato ho preparato i ravioli con ripieno di borragine e vegricotta.
La borragine è una pianta selvatica, ma la si può tranquillamente piantare nell’orto come se fossero piantine di spinaci, così potrai raccoglierla tutte le volte che vuoi 😉
Io, che non ho un orto e che non so minimamente dove andare a pescarla, fortunatamente ho un’amica che mi vuole tanto bene e che ogni tanto mi porta qualcosa dal suo orto e questa volta è stata la volta della borragine. Prima volta in assoluto che la cucina e che la mangio (il mio buon proposito continua 😀 ). Direi molto buona, decisamente da provare. Ma occhio durante la pulizia: la borragine ha una serie di micro spine che fanno un male cane. Consiglio un paio di guanti durante la pulizia delle foglie 😉  La borragine ha un bellissimo fiore blu-viola (le api ne andranno sicuramente matte).

Borago-officinalis-borragine Borragine1

E ora veniamo alla ricetta dei ravioli.

06

Ingredienti
PER LA PASTA:
500 g di farina di grano duro
il sostituto di 2 uova (clicca qui)
1 cucchiaio di olio evo
1-2 cucchiai di acqua
sale
PER IL RIPIENO:
300-500 g di borragine
300-400 g vegricotta
sale
noce moscata
maggiorana
pepe

Preparazione
Incomincia col preparare la pasta. Su di una spianatoia o in una ciotola unisci tutti gli ingredienti alla farina ed impasta per 15 minuti fino a che la pasta non risulta bella liscia. Forma una palla, ricoprila con della pellicola e mettila in un luogo fresco a riposare.
Mentre la pasta riposa prepara il ripieno. Prendi la borragine e puliscila bene (attenzione….alle spine…te l’avevo detto che pungevano 😉 ). Scottale per qualche minuto in acqua bollente salata. Scolale e strizzale bene. Con un mixer frullale bene. Ora mettile in una ciotola insieme alla vegricotta, il sale e tutte le spezie e mescola bene.
Ora riprendi la pasta e incomincia a fare i ravioli. Io ho steso la pasta a mano, con il mattarello e formato dei ravioli a mezzaluna, ma tu puoi farli come meglio ti piace, puoi stendere la pasta con la macchina e farli quadrati, rotondi ovali, grandi o piccoli…insomma come vuoi e come ti piacciono di più. Occhio solamente a non tirare la pasto troppo sottile altrimenti i ravioli ti si spaccano come è successo a me con alcuni e dalla foto si vedono 😉
Fatti i ravioli falli cuocere in acqua bollente e salata e appena cotti falli saltare in olio e salvia.
Mangia!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tiramisù

Ma perché ho atteso così tanto a farlo??!!!
Cosa mi sono persa fino ad oggi…:mrgreen:
Devo anche dire che l’ho trovato più buono, più leggero di quello classico. 🙂

DSC_4539-2
DSC_4537-2 DSC_4538-2DSC_4539-3

Ingredienti
500 g di vegricotta
1 tazza di caffè espresso
280 g di zucchero a velo vanigliato
160 g di margarina senza grassi idrogenati (o burro di soia)
1 cucchiaino di rum
2 confezione di biscotti vegan (tipo digestiv)
cacao per guarnire

Preparazione
Per prima cosa devi realizzare la crema. In una ciotola capiente metti la margarina e con la frusta elettrica incomincia a montarla. Aggiungi la vegricotta e continua a montare. Aggiungi piano piano lo zucchero a velo setacciato e continua a montare alla velocità maggiore che hai. Unisci il rum e frusta nuovamente per altri 2-3 minuti. La crema dovrà risultare molto cremosa e bella ferma, nel caso aggiungi ancora un po’ di zucchero.
Ora prendi una pirofila o il solito contenitore che usi per il tiramisù e incomincia a mettere su fondo un primo strato di biscotti imbevuti di caffè (non farli bagnare troppo, ma nemmeno troppo poco, dovranno essere morbidi ma non spaccarsi tra le mani, per intenderci ;-)). Poi stendi uno strato abbondante di crema, poi ancora uno strato di biscotti imbevuti di caffè e così via, fino a riempire la pirofila. L’ultimo strato dovrà essere di crema, sulla quale stenderai un leggero strato di cacao amaro. Copri la pirofila con carta d’alluminio e metti in frigorifero per 8-10 ore.
Questo tiramisù è davvero stato una scoperta, delicato e leggero, avrei potuto mangiare l’intera pirofila e non stare male 😀
Mangia!

Lasagne con ripieno green

Ciao 😀
Passate bene le festività? Io sì, sono stata proprio bene e ho anche prodotto.
Questa  ricetta infatti, è di una delle portate preparate ieri. Mooolto buone, te le consiglio 😉

DSC_4534-2
DSC_4536-2 DSC_4534-3

Ingredienti (per 8-10 porzioni circa)
450 g circa di lasagne vegan (senza uovo)
500 g circa di spinaci congelate, lasciate scongelare e scolate
450 g circa di tofu vellutato o veg-ricotta
1 cucchiaio di zucchero semolato (facoltativo)
1/4 tazza di latte di soia
1/2 cucchiaino di aglio in polvere
noce moscata
succo di 1/2 limone
1 cucchiaino di sale
4-6 (da 980 a 1500 g) tazze di salsa di pomodoro

Preparazione
Preriscalda il forno a 180°C.
Cuoci le lasagne secondo l’indicazione della confezione, oppure falle fresche come ho fatto io. Spremi l’acqua degli spinaci il più possibile e metti da parte (se utilizzi spinaci fresche falle sbollentare prima). Metti il tofu, lo zucchero, il latte, l’aglio, il succo di limone e il sale nel frullatore e frulla fino a che non ottieni un composto liscio. Il tofu dovrà essere cremoso, ma dovrà anche mantenere un po’ di corpo. Ora trasferisci tutto, spinaci e tofu, in una ciotola capiente e mescola bene. Aggiusta di sale e noce moscata se necessario.
A questo punto prendi la teglia e copri il fondo con un sottile strato di salsa di pomodoro, poi metti uno strato di pasta e poi uno di spinaci. Continua così fino a esaurimento ingredienti, ultimando con uno strato di pasta coperta sa uno strato leggero di salsa di pomodoro (per darle colore). Cuoci per 40-45 minuti, i primi 30 tieni la teglia coperta con carta di alluminio e termina la cottura scoprendo le lasagne per far formare la cosiddetta crosta.
Mangia!