FARRO PRIMAVERA

Buongiorno!
Oggi come al solito piove, ma non acqua bensì quella sabbia rossa fine fine del deserto (e io ieri ho pulito tutti i vetri…perché??) quindi ho pensato ci volesse un po’ di colore per ricordarci che è già primavera anche se ancora non si vede.
E allora cosa c’è di meglio di una mega insalata di farro alle verdure?
La ricetta è semplicissima, l’unica difficoltà è tagliare tutta la verdura in piccoli cubetti tipo alla Brunoise. Il resto non esiste! 😉

005

Ingredienti
500g di farro bio
3 catore
3 zucchine
3 piccoli peperoni (uno verde, uno rosso e uno giallo)
olio evo
sale

002

Preparazione
In una padella fai bollire dell’acqua (senza salarla) e fai cuocere il farro fino a completa cottura, che dovrebbe avvenire circa dopo 40-45 minuti se non si usa la pentola a pressione.
Intanto monda le verdure e tagliale, come ti ho anticipato, a brunoise, cioè a cubetti piccolissimi, non più grandi di 3 mm di lato (beh! Anche più grandi va! Alcuni miei cubetti sono venuti un po’ più grandi…e chissenefrega! Giusto? 😉 ).
Torniamo a noi. Quando avrai finito di tagliarti le dita…ehm..ops! Volevo dire le verdure, falle saltare per qualche minuto, ognuna in una padella diversa, in un po’ d’olio. Le verdure dovranno rimanere ancora belle colorate e croccanti…niente roba molla…ti prego!
Finito di saltare le verdure e cotto il farro non devi far altro che scolare il farro, versarlo in una pirofila e versarci le verdure. Mischia bene il tutto e aggiusta di sale. Se preferisci mangiarlo tiepido, aspetta qualche minuto e poi mangialo, altrimenti, fallo raffreddare e mettilo in frigo per qualche ora.
Mangia!

Questo slideshow richiede JavaScript.

chef5

N.B.: Ora mi trovi anche su Facebook o su Twitter  

Annunci

Torta salata integrale

Ciaooo!
Ti ho abbandonato da un sacco di tempo e me ne scuso. Il lavoro mi ha impegnato mattina, pomeriggio e sì, anche sera… e non ero nella condizione di realizzare piatti nuovi e fotografarli di notte! 😀
Ma per perdonarmi ti propongo questa torta salata fatta con farina integrale, macinata da un molino a pochi km di distanza da me (quasi km zero) e (almeno così sembra) molto genuina.
Solitamente utilizzo una pasta brisè confezionata, ma questa volta ho voluto provare a fare la classica pasta che si usa in Liguria per fare un po’ tutte le torte salate, chiamata anche “Pasta Matta” credo perché non utilizza lievitanti né margarine e burri, bensì solo acqua e olio evo e un pizzico di sale.
Potrai utilizzare qualsiasi tipo di farina (la classica è fatta con farina “00”), io l’ho provata con quella integrale.
Colgo poi l’occasione per fare gli auguri a tutti i papà, compreso il mio, a cui voglio un gran bene 😀

05
06 02 01 04

Ingredienti
PER LA SFOGLIA:
400 g di farina integrale
4-5 cucchiai di olio evo
2 pizzichi di sale
acqua q.b.
PER IL RIPIENO:
2 peperoni gialli
1 cestino di pomodorini ciliegia
1/2 confezione di formaggio vegan (a scelta)
1 cipolla piccola
olio evo
olive nere snocciolate
capperi
rosmarino
origano
sale
lievito alimentare
pane grattuggiato

03

Preparazione
Per prima cosa accendi il forno e preriscaldalo a 220°C. Su una spianatoia versa la farina e formane un cratere al centro dove aggiungere l’olio e il sale. Incomincia a mescolare gli ingredienti aggiungendo l’acqua poco alla volta, fino ad ottenere un impasto morbido e compatto, tipo quello del pane, ma un po’ più morbido. Con la farina integrale ci vorrà un po’ più di acqua ;-). Formane una palla e ponila in una ciotola coperta con un panno umido.
Ora prendi le verdure e mondale bene e taglia i peperoni a piccoli cubetti e i pomodorini a 4 spicchi. Prendi la cipolla, tritala finemente e fanne un soffritto con un po’ d’olio e quando si sarà un po’ ammorbidita aggiungi le verdure. Aggiungi un po’ di acqua se necessario. Prendi le olive (la quantità è a scelta, io ne ho usate una decina) e tagliale a rondelle e aggiungile al ripieno, idem con i capperi (senza tagliarli però 😉 ).
Porta a cottura tutto e lascia intiepidire. Metti il ripieno in una ciotola, aggiungi il formaggio tagliato a cubetti, le spezie, il lievito alimentare e il pane grattato. Riprendi la pasta e stendila con un mattarello fino ad ottenere una sfoglia sottile.
Poni la sfoglia in una teglia unta e riempila con il ripieno. Piega i bordi verso il centro della torta e per finire ungi la pasta con un po’ d’olio. Inforna per 20 minuti circa o fino a che non incomincia a dorarsi la crosta.
Mangia!

Con questa ricetta partecipo al Menù “Buona Pasqua Vegan”

A cena con l’assassino…

Stasera, nel mio appartamento, è avvenuto un omicidio!
Di chi sarà mai la mano sporca di ripieno che ha commesso questo efferato gesto?? 😯
Purtroppo della vittima è rimasto ben poco, qualche briciola e una teglia vuota….


        

Ingredienti
2 paste brisè vegan
2 porri
1 patata medio grossa
2 zucchine
2 piccoli peperoni
2 cucchiai di olive nere denocciolate
270 g di tofu vellutato o medio morbido
2-3 cucchiai di lievito alimentare
1 cucchiaino abbondante di curcuma
sale e pepe
olio evo
erbe aromatiche a piacere

Preparazione
Pulisci tutta la verdura e taglia i porri a dischi sottili mentre il resto a piccoli cubetti.
In una padella con un po’ d’olio incomincia a far soffriggere i porri, quando si saranno ammorbiditi unisci il resto della verdura.
Fai cuocere per 10-15 minuti, aggiusta di sale, pepe e aromi vari. Spegni il fuoco e lascia intiepidire.
Nel frattempo prepara la pasta: una stendila direttamente sulla teglia oliata e effettua con la forchetta dei buchi su tutta la superficie. Quando il ripieno si sarà intiepidito aggiungi il tofu, il lievito alimentare e la curcuma, mischia bene e poi versalo sulla pasta precedentemente stesa.
Con l’altra pasta copri tutta la torta, esegui una chiusura su tutto il bordo, effettua anche su questa dei forellini con la forchetta (eviterà di gonfiarsi), cospargi uniformemente dell’olio su tutta la torta e inforna a 200°C per 20 minuti circa o fino a quando la superficie non si sarà ben indorata. Lascia intiepidire un po’ prima di servirla.
Mangia!

N.B.: L’assassino è ancora a piede libero. Ti consiglio di mettere sotto sorveglianza ogni tua prelibatezza…non si sa mai! 😉

Tagliatelle alla Ale

Ehheheheh…che fantasia il titolo!
Non ho mai capito come si fa ad impostare il titolo, o nome, di una ricetta! Si mettono tutti gli ingredienti principali? Solo uno? Nel caso quale? Io qui avrei dovuto metterti: “Tagliatelle ai peperoni, capperi e olive”, ma mi sembrava un po’ lungo e troppo rivelatore, quindi chi mi vieta di dare il terzo del mio nome alla mia ricetta?


    

Ingredienti (per 2 persone)
200 g di tagliatelle (seeee…fanne un po’ quante ne vuoi)
2 peperoni, 1 giallo e 1 rosso di medie dimensioni
1 manciata di capperi sotto sale
1 manciata di olive nere snocciolate
sale e pepe
olio evo
scalogno

Preparazione
Monda i peperoni e tagliali a listerelle.
Fai un soffritto con lo scalogno e un po’ d’olio. Aggiungi i peperoni e lasciali ammorbidire. Aggiungi i capperi e le olive che nel frattempo avrai tagliato a rondelle.
Lascia cuocere ancora per 5-10 minuti e spegni il fuoco.
Metti a bollire l’acqua per le tagliatelle e quando saranno cotte, scolale e falle saltare nei peperoni.
Mangia!

Penne alle verdure miste

Ciao amica/o, questa è tra le ricette più banali che io abbia fatto fin’ora, ma l’aggiunta della curcuma ha dato quel tocco di orientale che fa la differenza.
E poi…chi l’ha detto che per essere buono un piatto deve essere per forza complicato?

Ingredienti (per 4 persone)
400 g di penne
1 scalogno
2 pomodori
4 peperoni piccoli (2 gialli e 2 rossi)
2 zucchine scure grandi
1 cucchiaino di curcuma
olio extra vergine d’oliva
sale e pepe

Preparazione
Riempi d’acqua una capiente casseruola e mettila a bollire.
Monda le verdure e tagliale a cubetti (pomodori e peperoni) e a listarelle le zucchine.
Fai soffriggere lo scalogno e aggiungi le verdure. Fai cuocere a fuoco medio avendo cura di mescolare di tanto in tanto per non far attaccare le verdure alla padella. Se necessario aggiungere un po’ d’acqua di cottura della pasta.
Quando le verdure si sono appena ammorbidite (per intendersi non si devono “spappolare”) aggiungi la curcuma.
Mescola bene e spegni il fuoco.
Fai cuocere le penne nell’acqua salata e dopo scolate falle saltare nelle verdure.
Il tutto assumerà un colore giallissimo, che a me ha dato tanta allegria 😀
Mangia!