FARRO CON ZUCCHINE

Ehilà!!
Ciao, oggi finalmente ho un attimo di tempo per scrivere qualcosa. Sono veramente mortificata per tutto questo periodo di assenza, ma ho delle cose importanti da svolgere e di tempo me ne resta ben poco.
Bando alle ciance, oggi ti presento una ricetta semplicissima, rubata ad un carissimo amico (Fra) e modificata (come al solito!) secondo i miei gusti. Ne sono stata talmente colpita che non potevo riprodurla! 😀
Ed eccola qua.

4

Ingredienti
200 g di farro bio
3 zucchine di medie dimensioni
pinoli
olive taggiasche
salsa di soia
olio evo
1 scalogno o 1 cipolla bionda

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione
Per prima cosa devi sciacquare il farro con acqua fredda. Non serve l’ammollo. In una padella metti dell’acqua fredda (dovrebbe essere circa 1,7 l per 100 g di farro (più o meno) e aggiungi il farro. Fai bollire per 25-30 minuti. Aggiusta di sale solo alla fine.
Nel frattempo monda le zucchine e tagliale in piccole porzioni.
In un’altra padella fai soffriggere lo scalogno, tagliato finemente, in un po’ di olio e aggiungi le zucchine. Falle saltare insieme ai pinoli e alle olive. Le zucchine non devono “spappolarsi”, bensì restare belle croccanti. Verso la fine cottura aggiungi la salsa di soia, mescola bene, fai cuocere ancora qualche minuto e poi spegni il fuoco.
Quando il farro ha finito la cottura, scolalo e fallo saltare nelle zucchine.

Questo piatto si può mangiare sia appena cotto che freddo. Io personalmente l’ho mangiato appena cotto lasciandolo intiepidire un po’ 😉
Mangia. 😀

Annunci

GNOCCHI ALLE TACCOLE

Ciao,
oggi dopo una notte tempestosa (nel vero senso della parola), c’è un fantastico sole e seppure l’aria è molto fredda, oggi, sembra davvero primavera e allora perché non prepararti una gustosa ricetta a base di un prodotto stagionale come le taccole?
Come saprai (forse l’ho già detto troppe volte, ma è bene, soprattutto per me, ricordarlo), quest’anno il mio proposito è quello di assaggiare alimenti che non avevo mai, dico mai mangiato prima a d’ora.
E le taccole, ahimè! sono uno di quelli.
Come ho descritto in un precedente post, le taccole sono molto squisite e posso anche affermare che le preferisco ai soliti fagiolini, che a volte risultano un po’ duretti e filamentosi.
Premetto che si possono fare con qualsiasi cosa (io questa ricetta l’ho preparata anche con un mix di riso, miglio e grano saraceno ed è venuta una meraviglia). Oggi te la propongo con gli gnocchi di patate.

05

Ingredienti
PER GLI GNOCCHI:
Patate rosse (la quantità è un optional)
Farina

PER IL CONTORNO:
1 confezione di taccole
10 pomodorini ciliegia
1 manciata di pinoli
1 scalogno
olio evo
sale

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione
Per prima cosa devi preparare gli gnocchi  . Lava bene le patate senza sbucciarle e falle lessare nella pentola a pressione. Quando le patate sono cotte schiacciale ancora calde e ponile in una ciotola. Aggiungi la farina poco alla volta fino a quando non otterrai un impasto morbido, ma compatto e non appiccicoso.
Ora preleva delle piccole porzioni e forma dei salsicciotti che taglierai in piccoli pezzi di circa 2-3 cm (a me non piacciono troppo piccoli, quindi vedi tu).
Ora metti l’acqua a bollire.
Nel frattempo prepara il sugo. Monda le taccole e lavale bene e falle cuocere a vapore per qualche minuto, intere.
In una padella fai soffriggere lo scalogno, finemente tritato, in un po’ di olio e aggiungi i pomodorini tagliati a metà. Aggiungi i pinoli e fai cuocere a fuoco vivo. Prendi ora le taccole e tagliale in piccole porzioni e aggiungile ai pomodorini. Aggiusta di sale e porta a cottura. Le taccole non vanno cotte moltissimo, devono rimanere ancora un po’ croccanti, ma se preferisci una consistenza più morbida non devi far altro che prolungare di qualche minuto la cottura e il gioco è fatto.
Quando l’acqua avrà raggiunto il bollore salala e fai cuocere gli gnocchi, che saranno pronti quando ritorneranno a galla.
A questo punto scolali e falli saltare nel sugo per un minutino e…Mangia!

chef5

N.B.: Ora mi trovi anche su Facebook o su Twitter  

 

Chicchere di spinaci e patate

O per meglio dire gnocchi, gnocchi e ancora gnocchi…ma questa volta verdi e fatti in un modo diverso.
Ho trovato la ricetta su un libro che parla di verdure e mi ha incuriosita a tal punto che ho voluto provare a farla a modo mio…naturalmente 😀

02
05 03 04 01

Ingredienti
200 g spinaci lessati e strizzati
5 patate
400 g circa di farina tipo 0
lievito alimentare
sale

Preparazione
Scegli 5 belle patate di dimensioni piuttosto grandi e, senza sbucciarle (così eviteranno di assorbire troppa acqua), falle bollire finché non saranno belle morbide. Appena cotte, prendi lo schiacciapatate e, così come sono, con la buccia, schiacciale (vedrai che la buccia rimarrà nello schiacciapatate e tu ti sarai salvato/a i polpastrelli 😉 ).
Unisci ora alle patate la farina, una manciata generosa di lievito alimentare e gli spinaci lessati e tritati. Se desideri gli gnocchi di un colore più vivo, aggiungi più spinaci all’impasto.
Ottieni un composto omogeneo (la pasta non ti deve appiccicare le mani, ma nemmeno essere troppo dura altrimenti in cottura ti ritroverai dei sassi a forma di gnocchi eheheh…), preleva delle piccole parti di impasto e forma dei cordoncini di pasta delle spessore che desideri (a me gli gnocchi piacciono piuttosto grossi, poi vedi tu) e tagliali in pezzetti di circa 1 cm di lunghezza. Continua così fino a che la pasta non finisce.
Fai bollire dell’acqua salata e versaci le chicchere, prelevandole con una schiumarola non appena verranno a galla.
Io le ho condite con un semplice sugo fatto con pomodorini freschi, pinoli e basilico, ma tu puoi mangiarteli con il sugo che preferisci 😉
Mangia!

N.B.: Ora mi trovi anche su Facebook o su Twitter  chef5

Gnocchi di patate alla toccata e fuga

🙂 Perchè questo nome?
Eheheh……1) Perché è velocissima da fare (naturalmente realizzazione degli gnocchi a parte),
2) Perché questo è quanto ti dureranno nel piatto se li proverai ihihiih!


      

Ingredienti
1 Kg di gnocchi di patate
2 pomodori grossi e maturi
3 manciate di basilico
3-4 gherigli di noci
3-4 mandorle
3-4 anacardi (oppure 1 cucchiaio di pinoli)
olio evo (extravergine d’oliva)
1 scalogno
sale

Preparazione
Lava i pomodori e tagliali a cubetti. Fai soffriggere lo scalogno nell’olio e unisci i pomodori, aggiungici qualche foglia di basilico, aggiusta di sale e fai cuocere giusto appena per far asciugare l’acqua dei pomodori. Spegni il fuoco e metti da parte.
In un frullatore metti il resto del basilico, le noci, le mandorle, gli anacardi (o pinoli), sale e olio quanto basta per far amalgamare il tutto. Frulla fino ad ottenere un pesto grossolano. Metti da parte.
Fai bollire abbondante acqua salata e fai cuocere gli gnocchi. Appena affiorano scolali con un colino e falli saltare nei pomodori. Alla fine aggiungi il pesto. Mischia bene il tutto e… Mangia!