Torta di cioccolato glassata

Ciao,
oggi ti propongo una bomba di dolce! L’ho preparata per combattere il grigiore di ieri e…CAVOLO! Ha funzionato ehehehe 🙂 e vorrei ben vedere…con tutto quel cacao e cioccolato!
Spero ti piaccia e che tu la provi. Devo dire che la glassa è venuta un po’ troppo dolce per i miei gusti, ma la prossima volta non mi frega mica! Proverò come al solito a modificare qualche ingrediente e poi ti faccio sapere 😉

01

Ingredienti per la torta
3 tazze di farina
2 tazze di zucchero
6 cucchiai di cacao
2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di sale
Olio vegetale 3/4 di tazza
2 cucchiai di aceto
2 cucchiaini di vaniglia
2 tazze di latte di soia
1/4 di tazza di yogurt di soia alla vaniglia

Ingredienti per la glassa

2 tazze di zucchero a velo
1/4 di cucchiaino di sale
1/3 di tazza (2/3 di panetto) di margarina vegan, a temperatura ambiente
1/4 di tazza di latte di soia
8 cucchiaini di cacao in polvere o 4 cucchiaini di estratto di vaniglia (per la glassa alla vaniglia)
1 tazza di gocce di cioccolato fondente

 02

Preparazione della Torta:
Preriscalda il forno a 180°C.
In una ciotola, mescola tutti gli ingredienti secchi.
Quindi, aggiungi gli ingredienti umidi.
Mescola bene l’impasto.
Ungi ed infarina leggermente due teglie. Versa la pasta nelle tortiere e metti in forno a cuocere per circa 35 minuti.
Lascia raffreddare la torta per almeno un’ora prima di glassare.

Preparazione della Glassa:
In una ciotola, mescola lo zucchero, il sale e la margarina. Successivamente, aggiungi il latte di soia. Sbatti fino a che il tutto diventa liscio. Fai sciogliere a bagnomaria le gocce di cioccolato e aggiungilo alla glassa preparata. Aggiungere più cacao se necessario…o più latte di soia, se è troppo densa.Spalmare immediatamente sulla torta raffreddata con una spatola.
Mangia!

03

chef5

N.B.: Ora mi trovi anche su Facebook o su Twitter  

Annunci

Pancakes ossia frittelle di pasta madre

Ciao,
ti chiedo scusa per l’assenza, ma i vari lavoretti che stavo facendo mi hanno impegnato più del previsto e qualcosa dovevo pur abbandonare, almeno per un breve periodo. Ma eccomi di nuovo qui per una bella ricetta, sfiziosa, moooolto facile e genuina.
Io quando rinfresco la mia “bambina” (per ora non la ritengo ancora una signora, vista la tenera età 😉 ), di solito buttavo la parte in esubero, ma mi dispiaceva molto. Così questa volta mi sono fatta i pancakes 😀 o frittelle come oramai spopola nel cyberspazio 😉
Devo ammetere che li avevo già fatti qualche volta, all’inizio e non mi avevano entusiasmata tanto, ma ‘sta volta con la ricetta un po’ modificata sono venuti veramente una favola.

04

Ingredienti
Pasta madre avanzata da rinfresco (non rinfrescata)
1-2 cucchiai di zucchero di canna
2-3 cucchiai di latte di soia
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione
Metti la pasta madre in una ciotola, aggiungi gli altri ingredienti e mescola bene il tutto, anche nella planetaria o frullatore se preferisci. Il composto dovrà risultare molto diluito, tipo il “poolish” che si usa per alcune ricette di panificazione. Copri con della pellicola e lascia la pastella a riposare per almeno un’ora in un luogo caldo e lontano da correnti d’aria (io uso sempre il metodo del forno spento con luce accesa).
Passata l’ora noterai che la pasta avrà formato tante bolle. Bene! E’ pronto da utilizzare. Prendi una padella antiaderente, sporcala leggermente di margarina e quando sarà calda versaci un cucchiaio di pasta al centro (la dose è a piacere, per pancakes più grandi usa dosi maggiori 😉 ). Quando la pasta incomincerà a fare delle bolle e a gonfiarsi girala, fai cuocere per poco meno di un minuto (nel caso gira un’altra volta) e togli dal fuoco. Continua così fino a fine prodotto. Io me le sono gustate con succo d’acero e Albe con del caramello fatto in casa (a breve la ricetta). Si dice che siano da mangiare ben calde, ma credimi che anche da fredde sono una delizia. Infatti mi era avanzato un pancake e volevo riscaldarmelo la mattina successiva per colazione. Naturalmente me ne sono dimenticata ehehehe…e me lo sono mangiato la sera così, freddo…. io l’ho trovato ancora più buono (del resto i gusti sono gusti!).
Mangia! 😀

chef5

N.B.: Ora mi trovi anche su Facebook o su Twitter

Torta alla cannella e zenzero

Buongiorno!!! 😀
Oggi mi sono svegliata benissimo, nonostante la giornata uggiosa che c’è, ho preparato l’impasto per il seitan, per il pane e sono riuscita pure a pulire come non mai la cucina (sai quelle pulizie che rimandi, rimandi, ma sai che prima o poi ti toccano? Ecco quelle…).
E per gratificarmi per tutto questo ho deciso di postare una ricetta dolce, fatta qualche sera fa e che è andata a ruba! Una classica torta, niente di che, ma con l’aggiunta di tanta cannella e zenzero che fa tanto feste natalizie :-D.

07
06 08 09

Ingredienti
3 1/2 tazze di farina integrale
1 1/3 di sciroppo d’acero
2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di sale
2 cucchiaini di cacao amaro in polvere
2 tazze di latte di soia (o riso, mandorle, avena,…)
2/3 di olio si semi vari
2 cucchiai di aceto di mele
1 pizzico di essenza di vaniglia in polvere
3 cucchiaini di cannella
2 cucchiaini di zenzero

Preparazione
Preriscalda il forno a 180°C. Olia leggermente uno stampo per torte. In una ciotola unisci tutti gli ingredienti secchi e in un’altra quelli liquidi. Mescola entrambe le ciotole per amalgamare bene i rispettivi composti. Unisci ora i liquidi ai secchi e mescola fino a che il tutto non sia ben omogeneo (senza esagerare troppo, quando la farina si sarà completamente assorbita ai liquidi fermati).
Metti il composto nello stampo e inforna per circa 50 minuti, avendo cura di controllare la cottura con lo stuzzicadenti. Quando ti uscirà bello asciutto è pronta 🙂
Spolvera se vuoi con dello zucchero a velo (solo dopo che si è raffreddata ;-)).
Mangia!

Buckeyes…ovvero…caramelle al burro di arachidi ricoperte di cioccolato

Queste caramelle di burro di arachidi rivestite di cioccolato prendono il nome dalla pianta dello stato dell’Ohio. Sembrano proprio le noci (o forse castagne) che crescono sull’albero buckeye.
Dolce americano quindi, ma ieri è piaciuto anche a italiani puri 😉

01

02

Ingredienti (per circa 24 caramelle)
1/2 tazza di crema di burro di arachidi, a temperatura ambiente
3/4 di zucchero a velo
1 pizzico di sale
1 tazza di gocce di cioccolato fondente

Preparazione
Metti la crema di burro di arachidi in una ciotola e con una frusta incomincia a lavorarlo per 1 minuto. Aggiungi ora lo zucchero a velo e il sale e continua a mixare fino a che lo zucchero non si è incorporato nel burro. Ora forma delle piccole palline della dimensione poco più grande di un cucchiaino e ponile su una teglia ricoperta da carta da forno. Continua fino a finire la pasta. Metti in freezer per 15 minuti.
Rimuovi le palline dal freezer e lavorale ciascuna con i palmi delle mani per creare delle sfere perfette (o quasi ;-)). Riponile sulla teglia e inserisci in ognuna uno stuzzicadenti. Rimetti in freezer per 1 ora.
Fai sciogliere a bagnomaria il cioccolato, quando sarà bello sciolto prendi le palline di burro di arachidi e immergile nel cioccolato fino a 3/4 della loro dimensione. Riponile poi sulla carta da forno e mettile in frigorifero a far indurire il cioccolato. Toglile dal frigo solo al momento di servire. Otterrai un dolce croccante con un’anima morbidissima e golosissima 😀
Mangia!

Tiramisù

Ma perché ho atteso così tanto a farlo??!!!
Cosa mi sono persa fino ad oggi…:mrgreen:
Devo anche dire che l’ho trovato più buono, più leggero di quello classico. 🙂

DSC_4539-2
DSC_4537-2 DSC_4538-2DSC_4539-3

Ingredienti
500 g di vegricotta
1 tazza di caffè espresso
280 g di zucchero a velo vanigliato
160 g di margarina senza grassi idrogenati (o burro di soia)
1 cucchiaino di rum
2 confezione di biscotti vegan (tipo digestiv)
cacao per guarnire

Preparazione
Per prima cosa devi realizzare la crema. In una ciotola capiente metti la margarina e con la frusta elettrica incomincia a montarla. Aggiungi la vegricotta e continua a montare. Aggiungi piano piano lo zucchero a velo setacciato e continua a montare alla velocità maggiore che hai. Unisci il rum e frusta nuovamente per altri 2-3 minuti. La crema dovrà risultare molto cremosa e bella ferma, nel caso aggiungi ancora un po’ di zucchero.
Ora prendi una pirofila o il solito contenitore che usi per il tiramisù e incomincia a mettere su fondo un primo strato di biscotti imbevuti di caffè (non farli bagnare troppo, ma nemmeno troppo poco, dovranno essere morbidi ma non spaccarsi tra le mani, per intenderci ;-)). Poi stendi uno strato abbondante di crema, poi ancora uno strato di biscotti imbevuti di caffè e così via, fino a riempire la pirofila. L’ultimo strato dovrà essere di crema, sulla quale stenderai un leggero strato di cacao amaro. Copri la pirofila con carta d’alluminio e metti in frigorifero per 8-10 ore.
Questo tiramisù è davvero stato una scoperta, delicato e leggero, avrei potuto mangiare l’intera pirofila e non stare male 😀
Mangia!